Categorie
Testimoni della Vera Speranza

TESTIMONI DELLA VERA SPERANZA 12 – COSTRINGERE IL MALE AL SERVIZIO DEL BENE

Noi sappiamo che tutto concorre al bene per quelli che amano Dio. Il progetto di Dio è costringere il male a servire il bene, compreso il peccato. (Is 53,5: per le piaghe di uno solo giusto, noi tutti siamo guariti. 

  Dio ama la vita di ciascuno di noi, più della nostra fedeltà e coerenza. E’ il bene che ha la forza di trascinare con sé verso l’alto, il male. Il buon grano conta più di tutte le erbacce del campo. Se noi viviamo da giusti, diventiamo salvaguardia dell’umanità. I giusti sono la riserva di speranza per la nostra storia, i buoni trascinano la terra verso la vita.

  Per sperare, bisogna essere molto felici, non essere come Shakespeare che scriveva: La vita non è che una favola sciocca raccontata da un idiota che si agita sulla scena, piena di rumore e di furore, ma che non significa nulla. Noi vogliamo dare senso alla vita.

  Ogni persona deve fare la sua ricerca per trovarlo: L’uomo, per essere felice, deve donare. (Dio ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito (Gv 3,16). Viviamo, se siamo datori di vita. Il Regno di Dio è la terra come Dio la sogna. 

  Guardiamo come Gesù si avvicinava ad ogni persona: faceva sue le piccole speranze che avevano (la suocera di Simone a letto con la febbre, la donna curva, l’uomo dalla mano inaridita, la paura di Nicodemo  che va da Gesù di notte). Anche noi siamo chiamati a captare le piccole speranze ben presenti in tante persone: degli anziani, di chi è solo, degli immigrati, per dare il nostro aiuto in modo che si realizzi un piccolo benessere atteso, un piccolo miglioramento sognato. La vita promessa non è estranea alle promesse di vita. 

  La fragilità diventa così opportunità di speranza. La cura di Gesù: a queste situazioni di fragilità e incompiutezze sapeva dare speranza, passando attraverso la debolezza, con la forza dell’amore. Anche la nostra cura dovrà essere passione e vero amore, come avete già sottolineato anche voi. Così tutto concorrerà al bene. Saremo più forti di qualsiasi sofferenza e soprattutto delle realtà negative presenti nella nostra storia. Il nostro servizio è che tutto concorra al bene.

Lascia un commento